XLV

Se non ti caggia la tua santalena
gi¨ per lo cˇlto tra le dure zolle
e vegna a man d'un[o] forese folle
che la stropicci e rŔndalati a pena:

dimmi se 'l frutto che la terra mena
nasce di secco, di caldo o di molle,
e qual Ŕ 'l vento che la 'nnarca e tolle,
e di che nebbia la tempesta Ŕ piena;

e se ti piace quando la mattina
odi la boce del lavoratore
e 'l tramazzare della sua famiglia.

I' ho per certo che, se la Bettina
porta soave spirito nel core,
del novo acquisto spesso ti ripiglia.

    Guido Cavalcanti

 

die ▄bertragung